Simm sett’ ott’ e nuje

 

Link per l'acquisto qui...

 

Questo è il nostro primo CD dopo soli dieci anni. La sequenza dei brani ripercorre le tappe del nostro cammino che, iniziato per gioco e allegria (Simm sett' ott' 'e nuje), ci ha portato alla scoperta di quel materiale folklorico inedito appartenente a un'area geografica chiusa tra l'Agro nocerino sarnese, il Cilento e il versante irpino dei monti Picentini. Dopo il ritrovamento di alcuni reperti audio e a seguito della ricerca effettuata con il Sistema Turistico Locale dei Picentini guidata dal Prof. Paolo Apolito, eravamo orientati alla realizzazione di un lavoro quasi esclusivamente documentaristico (Tammurriata dell'Agro Picentino e Rullata e Passo per San Michele di Olevano sul Tusciano sono solo parte del lavoro svolto), ma tale scelta non avrebbe reso giustizia alla nostra necessità di fare spettacolo, alla nostra passione per il teatro e ai nostri gusti musicali. Ecco quindi perché qui trovano spazio brani classici recitati (Lo Guarracino), brani ballabili (Pizzica di San Vito dei Normanni), stravolgimenti in chiave progressive (Rancio e mosca), brani d'autore (Pizzica per chitarra e San Nicola Varco) e arrangiamenti pop di brani tradizionali (Madonna delle Grazie). Il tutto è tenuto insieme da un filo invisibile rappresentato dalle voci dei reperti audio che accompagnano l'ascolto.

#sfravecatour

 

Link per l'acquisto qui...

1- Simm sett' ott' e nuje - 4:43  (Angelo Plaitano)

2- Tammurriata Rock - 7:50 (tradizionale)

3- Rancio e Mosca - 2:58 (tradizionale)

4- Tarantella Cilentana - 7:01 (tradizionale)

5- Pizzica di San Vito dei Normanni - 5:49 (tradizionale)

6- Balocchi e Profumi - 5:30 (E. A. Mario)

7- Francesca a castiello - 10:58 (tradizionale)

8- In galera li panettieri - 2:37 (Roberto De Simone - tradizionale)

9- Moresca mia - 2:38 (Corrado Sfogli)

10- Auciello Grifone - 2:59 (Corrado Sfogli)

11- Pigghjalu Pigghjalu e mo' s'abballa - 7:15 (Guido Walter e Menniti Francesco Sergio)

 

Appunìscenë a stà chiddériä 'e cinquantacinchë otto prufessurë 'e cuncertino: 'o chiacchiaronë 'e trentä, 'o craparö 'e šciurummë, 'o cumpare 'e clitennestra, l'allërósa, 'a strillandë , 'na cannuccia a cinque pertose, nu pusteggiatorë c'ò striscio e 'na jammona 'e trentasejë. Spunnimmë 'a shancianésia e annummenammë purë 'a jamma sfonnä ffangósë ca n'appunnìscë a stà špillesia, ma è tregliä 'e tašca c'ò prosiö 'e trillandë.

SIMM SETT' OTT' E NUJE

Siamo sempre stati attratti dalla comicità intrinseca della musica popolare e dalle formule comiche in essa utilizzate. Il loro uso ricorre spesso nel dialetto ed è figlio di quella oralità caratteristica del mondo arcaico. Tali formule comiche non hanno mai conosciuto battute d'arresto e oggi anche la rete è piena di video grotteschi con i dialetti più disparati. Prendendo a prestito il tormentone della signora “Nunzia di Torre” è nato un brano che ironizza sulle persone che, a vario titolo, girano intorno al mondo della musica popolare, noi compresi!

Rit.: Iamme tutte a ballare
Rint’a sta discoteca rà danza popolare
Vulimme venì pe vuje,
Uagliù ma quante sit’? simm sett’ ott’ e nuje!

Rint’a sta discoteca rà danza popolare
Nun ce truove o dj ca te vo fa abballare
Nun ce truove a cubista e manc’o buttafuori,
Pecchè mmiez’ a stà pista simm’ tutte frat’ e sore

A vir’ a uagliungella c’abballa a na semmana
Pè scarpe a gonna longa e nu fular mmane
Pur’si ten’ a stoffa ra vera tarantata
Chell’ s’abballa a pizzica ngopp a na tammurriata

Rit.:

'O sient’ stù uaglione ca sona stu tammur’
L’ piace a tammurriata ma o tiemp’ nun’o cur’
S’è fatt’ tutt’e feste e tutt’e sett’e sore
Ma si fa na vutata iss’ care semp’ a fore.

Aropp’ sant’antuono passamm’ p’avellino
Pò vin’e a tarantella ca sonan’ all’irpinia
Rà quann’ accir’o puorc’ s’accumengia a ballare
E se fernesce sulo quann’ more carnuale.

Rit.:

O megl’ ballerin’ è chill’ chiù surat’
Ra’ quann’attacc’a musica iss’ nun’z’è maje fermat’
Fra nà canzone e n’ata fa un’ liev’ e mett’
pecchè rind’o parchegg’ ten’ o tir p’è magliett’.

S’mbocan’è tammorre, s’ moven’è sunaglie
S’abboffan’ e zampogne e pur’ò ciuccio arraglia,
‘Nzapona nu strument’ ca fet’e baccalà
E dice a tutt’ chest’ è l’etnomusicalità!

Rit.:

Miezz’a sta discoteca, ce sta nu pappavall’
S’ crer’ o prufessore ma c’ha abbuffat’ e pall,
È semp’ chiù convint ca son’a tradizione
Ma si fa na canzone copia sul’a de simone!

O’ popolo ca’ball’ nun’ tant se ne fott’
Si chesta tarantelle è crura oppure è cotta,
O dicen’è canzone e nuje a tagliamma corta
Ca la taranta è viva e nun’è morta!

Chi vò fa ò sacerdote, chi invece è testimone
Ma ognuno ten’a soja e chest’è a tradizione,
‘Miezz’ a stì tarantelle ‘a gente ‘a perz’ e chiocche
però e megl’ bagune so’ semp’ e sette vocche!

Rit.:

TAMMURRIATA DELL'AGRO PICENTINO

Il primo passo della nostra ricerca è stato l'acquisizione di un'audio-cassetta su cui è registrata la voce della signora Maria Spisso (classe 1890). L’importanza di questo reperto è nella sua collocazione geografica a sud di Salerno nel bel mezzo dell’agro Picentino. Oltre alla classica "Rancio e Mosca", al brano vocale "Mannaggia e Femmene" e a una filastrocca con i primi versi de "Lo Guarracino", sono presenti tre strofette cantate in una forma comune al classico canto sul tamburo. Abbiamo deciso di riproporla in maniera fedele rispettando la linea melodica originale, aggiungendo alla voce i soli strumenti ritmici: tamburo, putipù e castagnette. La fronna introduttiva e le strofe aggiunte sono state inserite con l'intento di creare un brano ballabile

Fronn' e' scarola, lemmo da ù parrucchiano a dà parola, e nun te nè ncarrecà, fronn' è viola! [1]

Teng nu nnammurat’ si chiamma Tupp
Teng nu nnammurat’ si chiamma Tupp ih ha ha aha
E Teng nu nnammurat’ si chiamma Tupp
E nat’ se chiamma Tiritupp e Tapp
u nat’ se chiamma Tiritupp e Tapp
Ma jett’ pe parlare cu chillu Tupp
Uh ma jett’ pe parlare cu chillu Tupp
E s’appeccecaine annella o teng’ mman’ o pos’ nterra
E s’appeccecaine Tiritupp e Tappa
E s’appeccecaine Tiritupp e Tappa [2]

Je me ne voglie ire e tu me tiene
Je me ne voglie ire e tu me tiene
E cu na catena e ott’ bonasera è fatta notte
E cu na catena è ‘ncatenate è mane
E cu na catena è ‘ncatenate è mane
M’è ‘ngatenate cu man’ e cu piere
E m’è ‘ngatenate cu man’ e cu piere
Manc’ na peratella pozz’ rà ih ha ih ha
Sott’ o pir’, miezz’ o pir, ngopp’ o pir’, arret’ o pir’,
annand’ o pir’, miezz’ o pir, ngopp’ a trecen’ rò pir’, ih ha ih ha
bacarecambò, bacarecambà, bacarecancè pombò pambà,
fess’ e mà, fess’e mà, fess’ e zì, fess’ a toja, fess’ e zì comme vuò fa, [2]

E m’è ‘ngatenate cu man’ e cu piere
Manc’ na peratella pozz’ rà
Manc’ na peratella pozz’ rà
Si me l’è fatt’ tu nu me ne curo
Si me l’è fatt’ tu nu me ne curo
Si me l’è fatt’ fare penz’ ca moro
Si me l’è fatt’ fare penz’ ca moro
Si me l’è fatt’ fare penz’ ca moro
Addò se n’è jute la carrera mia
Addò se n’è jute la carrera mia
Manche lu vient’ m’è put’ arrivare
Manche lu vient’ m’è put’ arrivare
Mò ca me ngè chiavata sta suppigna
E mò ca me ngè chiavata sta suppigna
E mò ca me ngè chiavata sta suppigna
Manc’ na peratella pozz’ rà
E manc’ na peratella pozz’ rà [2]

Quanno sapiette ca stiv’ malata
Quanno sapiette ca stiv’ malata
Je mescheniello-me feci rumito
Je mescheniello-me feci rumito
Stiette quaranta notte addenucchiato, [3]
Stiette quaranta notte addenucchiato,
sempe recenno: “Cielo ralle vita!
sempe recenno: “Cielo ralle vita!
A Sant’Antuono voglio fa nu vuto,
A Sant’Antuono voglio fa nu vuto,
Je quant’è luongo le facce nu quadro.
Chi me ne porta nova ca s’è susuta
Chi me ne porta nova ca s’è susuta
Le rong’ à vita mia e ciento ducate”;
Le rong’ à vita mia e ciento ducate”; [3]

Nenna lu nomme tuoje sta scritto ‘ncielo
Nenna lu nomme tuoje sta scritto ‘ncielo
Lu mio sta scritto a l’onne de lu mare
Pe vuje è fatto lu zucchero e lu mele
Pe me è fatto lu veleno amaro
Pe vuje nasceno e rose a primmavera,
pe me siccano l’erva de lu mare
pe me siccano l’erva de lu mare [3]

Bella figliola ca ti chiammi Rosa
Ogni matina ne faje na spasa
La sugnurina mia nge vo tre cose,
Lu gliglio, lu carofano e le rose.
Chi vò li rose ce va alla muntagna,
Chi vò lu pesce ce va alla marina,
Chi vò renare va addò Re de Spagna,
E chi vò bellezze vene a nenna mia. [3]

Aggio saputo ca la morte vene,
tutte le belle se vene a pigliare
Tu ca si bella miettete ‘mpenziero,
ti toje bellezze a chi le vuoje lassare?
Lassale a uno che te vò chiù bene..
Si è pe mè i-nun te voglio male. [3]

S’è aperta na cantina miezz’ o mare
È just’ facce fronte a Morveglino;
Li pisce là se vanno addecreare
E fanno notte e juorno beverino.
Je me-cuntetarria d’addeventare
Porzì no ceceniello o guarracino:
Dint’a sta votta me vorria schiaffare
Pe sommozzà no poco ind’a lu vino! [3]

1 - Frammento tratto dai "Canti popolari raccolti in San Cipriano Picentino da Benedetto Croce 1884".

2 - Strofe tratte dal reperto audio 1 del presente CD cantate dalla signora Maria Spisso e registrate nella seconda metà degli anni '70 in Pontecagnano Faiano (SA).

3 - Strofe tratte da "Canti Popolari delle Provincie Meridionali raccolti da Antonio Casetti e Vittorio Imbriani" edito da Forni Editori - Bologna.

PASSO E RULLATA PER SAN MICHELE

Il comprensorio dei Picentini conserva delle forme musicali tradizionali ancora inesplorate. Ad Olevano sul Tusciano, oltre ad un numero incredibile di leggende su angeli, diavoli e briganti, resiste una forma musicale legata alla questua e alla processione per il santo patrono: San Michele Arcangelo. Tale processione viene accompagnata con un sisco, o flauto di canna a quattro fori e da una serie di rullanti suonati con le bacchette. La "Rullata" e il "Passo" hanno un carattere sacro quasi militaresco e vengono eseguite anche durante la danza, o gioco della bandiera, che è un altro elemento imprescindibile della processione e di tale festa. La melodia della Rullata è simile al “ballo intrezzo” tipico di alcune zone della bassa Irpinia. Nel 2006 sono stati effettuati degli scavi nella grotta di San Michele di Olevano che hanno riportato alla luce quasi 4000 reperti in osso lavorati come strumenti a fiato. Forse ad Olevano il connubio “San Michele – Flauto” ha radici molto antiche.

LO GUARRACINO

Il nostro primo contatto con la musica popolare è avvenuto grazie al teatro. Questa versione de "Lo Guarracino" è frutto delle esperienze maturate sui palchi e in mezzo alle strade, guardando i volti della gente, cercando di capire cosa suscitasse in loro l'ilarità.

PIZZICA DI SAN VITO DEI NORMANNI

Amiamo la pizzica e, benché certi di non poter mai eguagliare i salentini in questa loro arte, abbiamo voluto suonare questo classico.

RANCIO E MOSCA

Abbiamo avuto molte influenze musicali dalle quali non siamo mai completamente guariti. Nel delirio dato dalla febbre di una di queste influenze, è nata l'idea di prendere un brano classico e di realizzarne una versione quasi progressive.

MADONNA DELLE GRAZIE

L’immagine sacra della Madonna delle Grazie è spesso ritratta con il seno scoperto mentre allatta il bambino Gesù. Nel comprensorio dei Picentini era oggetto di devozione da parte dei pastori e fino a qualche anno fa durante la festa dell’Annunciazione che cade a Marzo, i pastori cambiavano le campane al gregge e per quell’unico giorno regalavano il latte ai contadini con l’augurio che quel latte diventasse raccolto. Con quel latte veniva preparato un dolce cuocendolo in pentola con la pasta. Il composto veniva raffreddato in una teglia e coperto con della cannella. "Madonna delle Grazie", prima ancora di essere una bella canzone, è una bellissima preghiera. Da qui l'idea di una introduzione intima e quasi sussurrata.

PIZZICA PER CHITARRA

Questo strumentale per chitarra è nato una notte di agosto del 2006 sulla spiaggia di Acciaroli. Il brano è dedicato alla memoria di Angelo Vassallo che ha speso la sua vita in difesa di quella spiaggia stupenda.

MANNAGGIA E FEMMENE

Ultimo estratto dal reperto audio. Il canto “Mannaggia e femmene” è in forma numerale/incrementale e serviva alle donne che raccoglievano la frutta per sviluppare il fiato durante il lavoro. Nel reperto è evidente il riferimento sessuale. Nei racconti ascoltati che parlavano del lavoro di raccolta della frutta, sono emerse spesso storie di padroni che, con il fine di controllare i frutti raccolti, facevano cadere accidentalmente le loro mani sulle contadine. Non potendosi ribellare per via della condizione subalterna ai soprusi del padrone, le donne utilizzavano il canto e l’ironia per lanciargli contro le loro invettive.

 

Nu’ me tuccà stu piett’ca m’adduorme
Nu’ me tuccà stu piett’ca m’adduorme
O’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene
s’arrobban’ò core’è ll’uommene e s’ò vann’a venner’.

Nu’ me tuccà sta capa ca m’adduorme
Nu’ me tuccà sta capa ca m’adduorme
A cap’ ca nun’è capa, o’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene (ecc.)

Nu’ me tuccà sta fronte ca m’adduorme
Nu’ me tuccà sta fronte ca m’adduorme
A fronte ca nun’è fronte, a cap’ ca nun’è capa,
o’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene (ecc.)

Nu’ me tuccà chist’uocchie ca m’adduorme
Nu’ me tuccà chist’uocchie ca m’adduorme
E l’uocchie ca nun’ sò uocchie, a fronte ca nun’è fronte,
a cap’ ca nun’è capa, o’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene (ecc.)

Nu’ me tuccà stu nas’ ca m’adduorme
Nu’ me tuccà stu nas’ ca m’adduorme
O nas’ cà nun’è nas’ e l’uocchie ca nun’ sò uocchie,
a fronte ca nun’è fronte, a cap’ ca nun’è capa,
o’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene (ecc.)

Nu’ me tuccà sta vocca ca m’adduorme
Nu’ me tuccà sta vocca ca m’adduorme
‘A vocca ca nun’è vocca, o nas’ cà nun’è nas’
e l’uocchie ca nun’ sò uocchie,
a fronte ca nun’è fronte, a cap’ ca nun’è capa,
o’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene (ecc.)

Nu’ me tuccà sta faccia ca m’adduorme
Nu’ me tuccà sta faccia ca m’adduorme
‘A faccia ca nun’è faccia, ‘a vocca ca nun’è vocca,
o nas’ cà nun’è nas’ e l’uocchie ca nun’ sò uocchie,
a fronte ca nun’è fronte, a cap’ ca nun’è capa,
o’ piett’ ca nun’è piett’o core ch’è nu cunfiett’
o’ mazz’e chit’è straviecchi’
Rit.: Mannaggia ‘e femmene (ecc.)

 

SAN NICOLA VARCO

Il canto popolare è spesso associato al lavoro nei campi. Oggi chi lavora nei nostri campi parla lingue di paesi lontani. San Nicola Varco è una frazione del comune di Eboli nella piana del Sele, che oltre ad essere una fermata soppressa della linea ferroviaria, fino a qualche anno fa era il più grande agglomerato di Extracomunitari (la maggior parte nord africani) d’Italia. Grazie all’attuale legge sull’immigrazione gli “ospiti” del ghetto di San Nicola Varco entravano in Italia regolarmente, con un contratto di lavoro firmato da società agricole locali. Non appena mettevano piede nel nostro paese, tali società scomparivano e i malcapitati diventavano automaticamente “immigrati e clandestini” schiacciati dal caporalato e dalla miseria. Prima dell’11 Novembre del 2009 la Regione Campania aveva avviato delle iniziative di integrazione e delle attività di rientro dei migranti nei loro paesi. Alcuni di loro piangevano di gioia avendo la possibilità di poter tornare a casa e di non essere più schiavi. Poi inspiegabilmente una notte la polizia ha sgomberato il campo. Forse la spiegazione è nel fatto che lo stato italiano ha avuto due mani: una era la Regione che operava lentissimamente per attenuare il degrado, l’integrazione e il rientro; l'altra è la Prefettura che operava con puntualità scientifica per l’allontanamento coatto. Qualche mese dopo lo sgombero sono stati completati i lavori di realizzazione del vicino centro commerciale.

Io rà chesta terra me ne voglio ire 
Pè truà furtuna addò fernesce o mare

Figlì ro' sùd e figlì ro' mare
simme venut’ ppe faticare
Faccè già nere cotte ro' sole
Ca pe duje sorde stamm’ a padrone
Mal’ a chillu iorne Ca ce so venut’
E a chi premetteva io l’aggio crerut’
Po’ mettiett per’ ‘ngopp’ a chella varca
E mo so fernut’ A San Nicola Varco

Io rà chesta terra me ne voglio ire 
Pè truà furtuna addò fernesce o mare

Dint’a stì barracch’ tra fierr’ e cartone
Simm’a centenare tutt’ senza nomme
Nuje comm’e surdate ca vann’ pà uerra
Quann’ o sole sponta faticamm’ a terra
Mmiezz’ a chisti surche tra terra e surore
Manc’ na speranza trova chiù parole
Simme Crist’ n’croce e pe trenta renare
Ce stanne vennenn’ Giuda e Capurale

Io rà chesta terra mò voglio partire 
Ma pà casa mia so sei juorne e mare

Oggi so venut’ cient’ cellerine
Pecchè simme sul’ gente clandestina
E da San Nicola ce fanne sgombrare
Pecchè c’hann’ aizà nu centr’ commerciale
Nuje nun simme niente e cuntamm’ poco
Pecché è ata a gente ca cummanna o iuoco
Chell’ ca pè sorde nun’ave cuscienza
Guarda gir’a faccia e a nuje nun ce penza … chiù.

Io rà chesta terra mò voglio partire 
Ma pà casa mia so sei juorne e mare